◄ Home

        

       Il Centro Sanitario


   1   Introduzione
   2   Retropiede Mediale
   3   Retropiede Laterale
   4   Mesopiede
   5   I Metatarso
   6   II Metatarso
   7   III Metatarso
   8   IV Metatarso
   9   V Metatarso
 10   Alluce
 11   II Dito
 12   III-IV-V Dito
  5  REGIONI del PIEDE - Suddivisione e Patologie
 Utilizzando una pedana viene analizzata la distribuzione della pressione in statica dividendo la superficie d’appoggio
 in 11 sottoaree in cui riportare le distribuzioni pressorie nelle varie zone della superficie plantare.

Principali patologie del I Metatarso :

L’esempio qui sotto riportato presenta un soggetto che manifesta una callosità dolente sulla I testa metatarsale a causa di una deformità del primo raggio in flessione-plantare.





Il soggetto riferisce disturbi ricorrenti al ginocchio e all’anca Dx dopo intense camminate.
In catena aperta il piede presenta un sostanziale piede lasso accompagnato da instabilità della
medio-tarsica, il retropiede presenta una modesta eversione calcaneare e il primo raggio presenta
una deformità in flessione plantare di 8 gradi sul piano trasversale.
Il piede si presenta cavo-pronato di III grado.



La media dell’integrale pressione/tempo evidenzia diverse problematiche:

• Disordini posturali, visibili dai tempi di contatto differenti;
• Pronazione del retropiede;
• Piede Cavo di III grado;
• Ipercarico a Dx sulla I testa metatarsale;
• Ipercarico a Sx sulla V testa metatarsale


ANAMNESI:
Disturbi al ginocchio e all'anca Dx dopo intense camminate, talvolta dolore sulla I-V testa metatarsale.

OSSERVAZIONI: In catena aperta il piede si presenta con Inversione-Eversione calcaneare a Dx di 22-16 con Ras ra -3 +8 mentre a Sx con Ras ra 0+5. Presenza di netta ipercheratosi sulla I-V testa metatarsale. Dalla valutazione in catena aperta è riscontrabile netta eversione della medio-tarsica. In sostanza il piede Dx presenta in neutra una eversione calcaneare di 3 gradi al retropiede e 8 gradi di avampiede pronato.

PODOGRAFIA: Dalla valutazione podografica è riscontrabile netta instabilità del carico durante la fase propulsiva del passo, presenza di piede cavo pronato di III grado.
E’ possibile forte coinvolgimento podalico nelle problematiche riscontrate a causa di notevole pronazione del piede durante la fase propulsiva del passo.

PROGETTO TERAPEUTICO: Utili ortesi plantare su calco di stabilizzazione del retropiede, sostegno elastico della volta longitudinale, cuneo al retropiede mediale di 2 mm., scarico fisiologico delle teste metatarsali.

OBBIETTIVI: Ridurre il dolore all’anca e al ginocchio, attraverso l’utilizzo di ortesi plantari in grado di ridurre i movimenti di pronazione partendo dal controllo del retropiede e della spinta dell’avampiede, rimuovere il dolore della I testa metatarsale attraverso il sostegno della I diafisi metatarsale. Fondamentale l’utilizzo di calzature predisposte per plantari con fondo a base d’appoggio larga e stabile.

METODO-PROGETTAZIONE: Tipo di Costruzione: Plantare su Calco.
Lavorazione con BORDI LATERALI SEMI-AVVOLGENTI
A)AVEOLENE FORATO COL.ANTR. MM4 1,1
B)LASTRE LATICE MM.5 ROSA CM.77X28
C)SUNFIBER SPESSORE 8 MM. 100 X 130
D)DUROCEL NERO SP.10 MM

PERCEZIONE/SCALA DEL DOLORE ALL’INGRESSO-INDICATORE SOGGETTIVO:
Dolente 51-70% Scala del Dolore: 7/10

PERCEZIONE/SCALA DEL DOLORE 30 GIORNI DOPO:-INDICATORE SOGGETTIVO:
3/10 EFFICIENZA DEL TRATTAMENTO: Buono : Problema risolto tra il 60/80 %